Home 9 News 9 Da lunedì 7 giugno coprifuoco dalle 24; ristoranti, resta il limite di 4 per tavolo

Da lunedì 7 giugno coprifuoco dalle 24; ristoranti, resta il limite di 4 per tavolo

7 Giu 2021 | News

Nuovo step sulla strada del ritorno alla normalità. Da lunedì 7 giugno il coprifuoco nelle zone gialle slitta dalle 23 alle 24. Il 21 giugno invece dovrebbe finalmente scomparire. Ricordiamo che nelle zone bianche il coprifuoco non esiste più. Intanto sempre dal 7 aumentano le regioni in zona bianca.

Le zone in vigore da lunedì 7 giugno

Zona gialla: Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, provincie autonome di Trento e Bolzano, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Basilicata, Puglia, Campania, Calabria, Sicilia.

Zona bianca: Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Molise, Umbria e Abruzzo.

Ristorazione

Nelle zone gialle coprifuoco alle 23, limite di 4 persone per tavolo (a meno che non si sia conviventi) sia all’aperto che al chiuso. In zona bianca nessun limite all’aperto, a tavola al chiuso in sei o due nuclei familiari, non ci sono limiti di orario per aperture e chiusure. 

Le altre riaperture

Dal 1° luglio potranno riaprire le piscine al chiuso, i centri natatori e i centri benessere, nel rispetto delle linee guide e dei protocolli;

Dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso, sarà consentita la presenza di pubblico, nei limiti già previsti (25 per cento della capienza massima, con il limite di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso), per tutte le competizioni o eventi sportivi (non solo a quelli di interesse nazionale);

Dal 1° luglio sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò potranno riaprire al pubblico; parchi tematici e di divertimento potranno riaprire al pubblico dal 15 giugno, anziché dal 1° luglio; tutte le attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi saranno di nuovo possibili dal 1° luglio.

– Dal 15 giugno saranno possibili, anche al chiuso, le feste e i ricevimenti successivi a cerimonie civili o religiose, tramite uso della “certificazione verde”. Restano sospese le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all’aperto o al chiuso.

Dal 1° luglio sarà nuovamente possibile tenere corsi di formazione pubblici e privati in presenza.