L’onorevole Massimo Marchignoli ha visitato lunedì 11 maggio la Casa della Imprese, la nuova sede di Confartigianato Assimprese, a Imola. Ad accoglierlo il Segretario, Amilcare Renzi e il suo vice, Massimo Pirazzoli. «La Casa delle Imprese – ha commentato Marchignoli – è la dimostrazione plastica di come questa associazione sia cresciuta in questi anni e sia proiettata verso la modernità, in modo innovativo, sul piano dei servizi e sul piano della formazione agli imprenditori, tema oggi particolarmente strategico». Come strategica è la permanenza a Imola dei servizi erogati dall’Agenzia delle Entrate, oggi messa in discussione. Del problema se n'è parlato durante la visita alla Casa delle Imprese.

«Siamo davvero indignati – afferma Renzi – che il nostro territorio, ricco di imprese e quindi di primissimo piano dal punto di vista contributivo, venga svilito in questo modo e che le nostre aziende debbano sobbarcarsi un aggravio di costi, dovendo rivolgersi a Bologna per espletare pratiche indispensabili al corretto rapporto con lo Stato e il fisco. E’ opportuno che il mondo delle imprese e le istituzioni facciano sentire unite la loro voce, per evitare che il Circondario imolese sia svuotato progressivamente di importanza e rappresentatività». Un fatto ancor più grave in un momento di difficoltà come questo. Come si ricorderà è di pochi giorni fa l’annuncio del massiccio ricorso al Fondo di sostegno al reddito dell’Eber da parte delle Pmi. «Anche se meno di altre parti del Paese, sul nostro territorio è una situazione pesante, che ci preoccupa molto – continua Renzi – perché nel mondo dell’artigianato e della piccola impresa la sospensione dal lavoro rappresenta davvero l’ultimo atto».

Anche Marchignoli si dichiara «molto preoccupato riguardo al ridimensionamento dell’Agenzia delle Entrate, la cui presenza è invece indispensabile in un distretto economico importante come il nostro, nel quale operano migliaia di imprese. Per questo sto per presentare in Paralamento un’interrogazione al riguardo, rivolta al ministro Tremonti».

Share This