Home 9 Agevolazioni e incentivi per le imprese 9 Liberi professionisti, bando regionale a sostegno della crescita

Liberi professionisti, bando regionale a sostegno della crescita

18 Gen 2023 | Agevolazioni e incentivi per le imprese, News

lavoratore bonus internet connettività imprese digitalizzazione

La Regione Emilia-Romagna ha emanato un bando dedicato ai liberi professionisti, siano essi ordinistici sia non ordinistici.

Per qualsiasi informazione contatta la sede di Confartigianato Bologna Metropolitana più vicina a te

Qual è l’obiettivo del bando regionale per liberi professionisti

Obiettivo del bando regionale è quello di sostenere i progetti di innovazione delle attività professionali, incentivandone il rafforzamento, la crescita e l’aggregazione. Questo tenendo conto anche delle filiere produttive in cui operano. In particolare, saranno promossi progetti in grado di incidere sul rafforzamento delle catene del valore per la produzione di prodotti e servizi da parte del sistema produttivo regionale. Particolare attenzione sarà riservata alle iniziative di aggregazione dei professionisti, allo scopo di aumentare la gamma dei servizi offerti in ottica integrata con una conseguente ricaduta in termini di efficienza.

Chi può presentare la domanda

Possono presentare domanda, ed essere beneficiari dei contributi, i seguenti soggetti:

  • Liberi professionisti iscritti a ordini: titolari di partita iva, esercitanti attività riservate, iscritti ai sensi dell’art. 2229 del Codice civile a Ordini o Collegi professionali e alle rispettive Casse di previdenza, che operano in forma singola, associata o societaria.
  • Liberi professionisti non iscritti a ordini: titolari di partita iva, autonomi, operanti in forma singola, o associata di studi formalmente costituiti (esclusa la forma di impresa), che svolgono attività professionali non rientranti in quelle riservate agli iscritti a Ordini e Collegi professionali, che svolgano prestazione d’opera intellettuale e di servizi e siano iscritti alla gestione separata Inps come previsto dall’art. 2, comma 26 della Legge 335/95, anche appartenenti ad Associazioni professionali riconosciute di cui alla L. n. 4/2013.

Quando e come va presentata la domanda

Le domande di contributo dovranno essere trasmesse alla Regione, tramite applicativo Sfinge 2020, dalle ore 10 del giorno 7 marzo 2023 alle ore 13 del giorno 6 aprile 2023. La Regione, al fine di monitorare che il fabbisogno delle domande di contributo non superi il plafond di risorse finanziarie stanziate, procederà alla chiusura anticipata della suddetta finestra al raggiungimento di un numero massimo di 400 domande presentate.
L’applicativo web sarà reso disponibile, almeno 3 giorni prima dell’apertura dei sopra indicati termini, per la sola compilazione e validazione della domanda.

lavoratore bonus internet connettività imprese digitalizzazione