). Aiutare le famiglie e le persone più deboli a contenere la spesa sui principali generi alimentari è doveroso. Confartigianato Assimprese è disponibile a valutare dati e proposte, per promuovere il dialogo fra imprese, istituzioni e consumatori al fine di trovare soluzioni condivise: «Siamo molto favorevoli alla messa in campo di forti relazioni sul territorio, nella ricerca di modi per calmierare i prezzi», dichiara il segretario dell’associazione imolese, Amilcare Renzi. Che, pensando alle piccole imprese aggiunge: «è chiaro però che non possiamo ignorare il forte aumento delle materie prime, cui si aggiungono quelli energetici». Per fare un esempio, il rincaro della farina e dell’energia necessaria a far funzionare i forni non può non incidere sul prezzo finale.
«Senza dimenticare aggiunge Renzi – la pressione fiscale e il costo del lavoro. Nonostante tutto ciò, gli artigiani dell’alimentazione stanno facendo il possibile per assorbire gli aumenti, sforzandosi di non scaricarli sui consumatori, testimoni della qualità dei prodotti artigiani. Occorre quindi agire anche sul versante dei costi, perché se questa rincorsa agli aumenti non cesserà, molte piccole imprese saranno sempre più in difficoltà a mantenere un giusto rapporto qualità-prezzo e a restare sul mercato».

Share This