camion trasporti cisterne gasolioSoddisfazione per Confartigianato Trasporti dopo l’ottenimento del rinvio all’1 gennaio 2021 dell’entrata in vigore dei nuovi adempimenti per i possessori di distributori e cisterne di gasolio ad uso privato.

La Legge di conversione del decreto “Cura Italia”, contiene la modifica dell’art. 92 che rinvia all’1 gennaio 2021 la scadenza precedentemente prevista al 30 giugno 2020, relativa all’obbligo della denuncia di esercizio da parte dei possessori delle cisternette di gasolio, presso l’Ufficio delle dogane competente per territorio. La sospensione dei termini vale anche per la tenuta, in forma semplificata, dei registri di carico e scarico, in quanto adempimento previsto per i titolari di licenza fiscale.

Gli interessati al rinvio della denuncia di cisterne di gasolio a uso privato

In particolare, il rinvio interessa:

  • gli esercenti apparecchi di distribuzione automatica di carburanti per usi privati, agricoli e industriali, collegati a serbatoi di capacità globale superiore ai 5 metri cubi e fino a 10 metri cubi;
  • gli esercenti depositi per uso privato, agricolo ed industriale, di capacità superiore a 10 metri cubi e fino a 25 metri cubi.

Confartigianato Trasporti ha continuato a portare avanti, in queste difficili settimane di emergenza, la battaglia per una proroga più lunga di tali adempimenti ed in generale per una semplificazione di norme per il settore che alleggerisca di ulteriori costi e oneri il carico per le piccole e medie imprese di autotrasporto.