Decreto Cura Italia, rinvio per pagamenti e adempimenti fiscali (video)

16 Mar 2020 | Coronavirus, Leggi, News

Nel decreto Cura Italia emanato il 16 marzo per l’emergenza Coronavirus, è previsto il rinvio di pagamenti e adempimenti fiscali per le imprese e i liberi professionisti. Eventuali novità e aggiornamenti verranno comunicati tempestivamente nella news e con la newsletter, a cui puoi iscriverti cliccando qui.

Per maggiori informazioni sul contenuto del decreto Coronavirus continua a seguire le news sul nostro sito, sulla nostra pagina Facebook o Linkedin.

Sospensione degli adempimenti fiscali fino al 31 maggio

  • Per tutti i contribuenti è prevista la sospensione degli adempimenti tributari diversi dai versamenti, per il periodo che va dall’8 marzo al 31 maggio di quest’anno.
  • Per quanto riguarda i versamenti, sono sospesi per le partite Iva con ricavi o compensi fino a 2 milioni di euro nel precedente periodo di imposta: questi soggetti potranno non versare quanto dovuto nel mese di marzo per quanto riguarda
    • ritenute per i lavoratori dipendenti
    • Iva
    • contributi previdenziali e assistenziali 
    • premi per l’assicurazione obbligatoria

Questi versamenti potranno poi essere fatti senza sanzioni e interessi entro il prossimo 31 maggio, con possibilità di dilazionare in cinque rate mensili di pari importo a partire comunque dal mese di maggio 2020.

  • Gli altri adempimenti andranno invece saldati entro il 30 giugno.
  • Le Partite Iva fino a 400 mila euro di ricavi non saranno soggette a ritenute d’acconto se nel mese precedente non hanno sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente. 

Sospensione delle cartelle esattoriali

Nel decreto è prevista la sospensione dei termini delle cartelle di pagamento e degli accertamenti esecutivi dell’Agenzia delle Entrate e degli enti previdenziali in scadenza tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020. I relativi versamenti saranno da effettuare entro il mese successivo ovvero il 30 giugno 2020. Sono inoltre sospese le attività di controllo, accertamento, riscossione e contenzioso da parte dei vari enti impositori.

Credito d’imposta per affitti su negozi e botteghe

Ai soggetti esercenti attività d’impresa è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di
immobili rientranti nella categoria catastale C/1, cioè “Negozi e botteghe”.

Per qualsiasi informazione non esitare a contattare il nostro ufficio più vicino a te.

Qui il video della conferenza stampa di presentazione del decreto “Cura Italia” del 16 marzo 2020 da Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con il ministro dell’Economia e finanze, Roberto Gualtieri, e il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo.