Decreto Semplificazione, quali le misure urgenti decise dal Governo

7 Lug 2020 | Coronavirus, News

Decreto semplificazione 7 luglio 2020 burocrazia

È stato approvato, il 7 luglio 2020, il Decreto Semplificazione. Il testo, secondo quanto comunicato dal Consiglio dei ministri, costituisce un intervento volto alla semplificazione dei procedimenti amministrativi, all’eliminazione e alla velocizzazione di adempimenti burocratici, alla digitalizzazione della pubblica amministrazione, al sostegno all’economia verde e all’attività di impresa.

Il Decreto Semplificazione interviene, in particolare, in quattro ambiti principali:

  • in materia di contratti pubblici ed edilizia
  • procedimenti e responsabilità
  • sostegno e la diffusione dell’amministrazione digitale 
  • attività di impresa, ambiente e green economy

 

Contratti pubblici ed edilizia

Tra le misure in materia di contratti pubblici, al fine di incentivare gli investimenti nel settore delle infrastrutture e dei servizi, si introduce in via transitoria, fino al 31 luglio 2021, una nuova disciplina degli affidamenti di lavori, servizi e forniture. Le nuove norme prevedono:

  • l’affidamento diretto per prestazioni di importo inferiore a 150.000 euro
  • una procedura negoziata, senza bando, previa consultazione di un numero di operatori variabile sulla base dell’importo complessivo, per tutte le prestazioni di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria

È previsto inoltre che l’aggiudicazione o l’individuazione definitiva del contraente avvenga entro due mesi, aumentati a quattro in specifici casi.

Fra le altre misure, in ambito edilizio, si prevede:

  • la semplificazione degli interventi di demolizione e ricostruzione e delle procedure di modifica dei prospetti degli edifici
  • il rafforzamento degli incentivi per gli interventi di rigenerazione urbana, con la riduzione del contributo di costruzione da pagare al Comune
  • la previsione del rilascio su richiesta dell’interessato circa l’intervenuta formazione del silenzio assenso da parte dello sportello unico edilizia (SUE)

 

Procedimenti e responsabilità

Per quanto riguarda la semplificazioni dei procedimenti si prevede che, per la maggior parte degli adempimenti burocratici, scaduti i termini previsti dalla legge, valga la regola del silenzio-assenso, con inefficacia degli atti tardivamente intervenuti. 

Si introducono semplificazioni per favorire la partecipazione di cittadini e imprese ai procedimenti amministrativi telematici, introducendo il principio generale che le pubbliche amministrazioni devono erogare i propri servizi in digitale e che i cittadini devono poter consultare gli atti in forma digitale. 

Si tagliano anche i costi della burocrazia, prevedendo che, sia per le norme primarie che per i decreti attuativi, nel caso si introducano nuovi costi regolamentari, si debbano eliminare altri oneri di pari valore, oppure rendere i nuovi costi introdotti fiscalmente detraibili.

 

Amministrazione pubblica digitale

Fra le misure introdotte in merito alla cittadinanza digitale e allo sviluppo dei servizi digitali della Pubblica amministrazione, si prevede, fra le altre:

  • l’accesso a tutti i servizi digitali della Pa tramite Spid (Sistema pubblico di identità digitale), Carta d’identità digitale (Cie) e tramite AppIO su smartphone
  • il domicilio digitale per i professionisti, anche non iscritti ad albi
  • la presentazione di autocertificazioni, istanze e dichiarazioni direttamente da cellulare tramite AppIO
  • semplificazioni per il rilascio della carta d’identità digitale
  • regole omogenee per tutte le PA per gli acquisti informatici, la formazione digitale dei dipendenti pubblici e la progettazione dei servizi digitali ai cittadini
  • la semplificazione e il rafforzamento della Piattaforma digitale nazionale dati, finalizzata a favorire l’utilizzo del patrimonio informativo pubblico

 

Il Decreto Semplificazione per le imprese, l’ambiente e la Green economy

Imprese

Per le imprese, si prevedono, fra le altre misure:

  • la semplificazione e la velocizzazione dei lavori sulle infrastrutture di rete per le comunicazioni elettroniche e la banda larga
  • l’aumento dell’importo di erogazione in un’unica soluzione della “Nuova Sabatini”
  • la semplificazione delle procedure per la cancellazione dal registro delle imprese e per lo scioglimento degli enti cooperativi
  • la possibilità per le società per azioni quotate di prevedere aumenti di capitale in deroga rispetto alla disciplina del codice civile

Green Economy

In tema di sostegno alla tutela dell’ambiente e alla Green economy, il Decreto Semplificazione introduce, fra le altre misure:

  • la razionalizzazione delle procedure di valutazione d’impatto ambientale associate alle opere pubbliche;
  • la semplificazione delle procedure per interventi e opere nei luoghi oggetto di bonifica nei Siti di Interesse Nazionale
  • la velocizzazione dei tempi di assegnazione dei fondi contro il dissesto idrogeologico ai commissari; la razionalizzazione degli interventi nelle Zone Economiche Ambientali
  • semplificazioni in materia di interventi su progetti o impianti alimentati da fonti di energia rinnovabile, nonché per realizzare punti e stazioni di ricarica per veicoli elettrici
  • l’estensione ai piccoli Comuni (fino a 20.000 abitanti) del meccanismo dello “scambio sul posto altrove” per incentivare l’utilizzo di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili
Decreto semplificazione 7 luglio 2020 burocrazia