Rete Imprese Italia, pur apprezzando la volontà del Governo di combattere la povertà e rilanciare l’occupazione, ritiene che i vincoli per le assunzioni con il reddito di cittadinanza difficilmente creeranno nuova occupazione in Italia, se non saranno rimossi. Quanto alle risorse destinate a Quota 100 avrebbero giovato di più alla ripresa economica ed occupazionale se destinate alla spesa per investimenti. Questo è  il giudizio espresso nei giorni scorsi da Giorgio Merletti, Presidente di Rete Imprese Italia e di Confartigianato Imprese, durante il suo intervento in audizione alla Commissione Lavoro della Camera sul decreto legge in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni.

Secondo il Presidente Merletti il provvedimento va corretto rafforzando, da una parte, il meccanismo delle condizioni per ottenere il reddito di cittadinanza, dall’altra rimuovendo le rigidità delle assunzioni rappresentate soprattutto dai contratti a tempo pieno e indeterminato. Sarà inoltre opportuno attuare la riforma strutturale dei centri per l’impiego che a oggi non fanno efficacemente da mediatori fra domanda e offerta di lavoro, e garantendo efficaci controlli per evitare abusi nella fruizione del beneficio. Va evitato il rischio di possibili effetti distorsivi sul mercato del lavoro: la crescita dell’occupazione irregolare e della concorrenza sleale nei confronti delle piccole imprese, il disincentivo a creare nuove iniziative imprenditoriali.

Il Presidente nazionale di Confartigianato sostiene inoltre la necessità di ripristinare le risorse per i Fondi interprofessionali cui è stato esteso il compito di finanziare la formazione per il reinserimento nel mercato del lavoro dei beneficiari del reddito di cittadinanza. Si ritiene infine necessario un attento monitoraggio degli interventi su Quota 100, giudicata “una misura estremamente onerosa che occorre contemperare con la necessità di garantire la sostenibilità del sistema pensionistico italiano. Inoltre andrà ad aggiungersi alle misure strutturali e sperimentali degli ultimi anni, alimentando una normativa previdenziale estremamente complessa che rende difficile la programmazione sia per le aziende che per i lavoratori di volta in volta interessati”.

(Fonte Confartigianato)

Share This