Firmato l'accordo per la promozione del centro storico. Offerta commerciale, iniziative di promozione, comunicazione e animazione, interventi di miglioramento della mobilità e dellaccesso al centro, arredo urbano, revisione di regolamenti e normative comunali, ecco gli obiettivi del Tavolo che vede uniti Comune di Imola e associazioni di categoria Ascom, Confesercenti, Cna e Confartigianato, i cui rappresentanti hanno sottoscritto martedì un “Programma di intervento locale per la promozione e lattivazione di un Centro commerciale naturale”: «E' un accordo necessario per accedere ai fondi, che sottolinea anche la volontà degli associati di lavorare insieme», precisa il vicesindaco Fabrizio Castellari.
Il tavolo chiede alla Provincia i contributi previsti dalla legge regionale nella misura di 200mila euro, metà dei quali andranno al Comune, metà alle associazioni. La realizzazione della pavimentazione della piazza e gli interventi programmati richiederanno oltre 1.060.000 euro, in parte già spesi e in parte finanziati. Il programma del Tavolo, incentrato sul centro storico, si allarga alle attività che si affacciano sui viali di circonvallazione e punta alla soluzione dei punti dolenti emersi dallo studio effettuato lo scorso anno anche tramite lindagine fra operatori e frequentatori del centro.
Si lavora, come spiega l'assessore Fabrizia Fiumi, «per riportare il mercato nel centro storico, ovviare al problema dei negozi chiusi e delle serrande cieche, a migliorare l'aspetto delle facciate degli edifici abbandonati o degradati». Per la sicurezza si pensa di potenziare i sistemi di videosorveglianza (25 le telecamere messe in funzione nel 2005). E poi una nuova strategia di comunicazione, flessibilità degli orari di apertura delle attività e ricerca di maggiore continuità nell'animazione del centro. Dopo le ristrutturazioni fatte, in fase di completamento o in programma degli edifici in disuso che hanno ospitato il cinema Modernissimo, il convento del Buon Pastore, l'albergo Italia, il cinema Centrale, losteria Centrale, si punta alla valorizzazione di piazza Matteotti. «La rinascita del centro va avvicinandosi, occorre raddoppiare le risorse oltre a conservare il patrimonio fin qui raggiunto», commenta il sindaco Massimo Marchignoli. «E importante per vivacizzare il centro il fitto calendario di iniziative organizzate nel corso dell'anno dal Comune e dalle associazioni», gli fa eco l'assessore Valter Galavotti, ricordando però che «occorre saper parlare ancor più agli altri territori».
Suggerisce il presidente dell'Ascom Danilo Galassi «maggiore attenzione per aprire la città ai turisti, espandendo i percorsi di cucina a prezzi affrontabili».
Non tutti sono concordi sui nuovi punti di aggregazione al di fuori del centro storico, tanto che Alfonso Alvisi della Confesercenti si mostra preoccupato per gli spazi alternativi come il centro commerciale con la multisala che sorgerà vicino allautostrada: «Non dà lustro al centro storico e spero proprio che sia lultimo».
Fiducioso nella rinascita della piazza è anche Amilcare Renzi, segretario di Confartigianato, che si dimostra favorevole ai nuovi insediamenti e, come Viviana Castellari, direttrice Cna, conta sulla capacità di tutti di «unire le forze per operare in rete ed essere competitivi sul territorio».

Share This