Home 9 Primo piano 9 Piano nazionale di ripresa e resilienza, via libera verso l’Europa

Piano nazionale di ripresa e resilienza, via libera verso l’Europa

3 Mag 2021 | Primo piano

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza ha avuto il via libera definitivo da parte del Governo giovedì 29 aprile e sta intraprendendo la via verso la Commissione Europea. Se tutto procederà come ci si augura, la speranza è di potere già accedere entro l’estate 2021 ad una prima tranche di finanziamenti per circa 25 miliardi di euro. 

Assieme al Piano il Governo ha approvato anche un decreto legge che istituisce il Fondo complementare al Recovery plan da 30,6 miliardi che finanzierà, fino al 2033, i progetti che per i tempi di realizzazione o per la natura degli interventi non potevano entrare nel Piano.

Fondo complementare al Recovery plan in sintesi

Parte così la difficile sfida per trasformare l’Italia, con una strada da rispettare per non rischiare di perdere le risorse, mettendo in campo capacità di programmazione, progettualità e operatività, coinvolgendo la società nel suo complesso. Proprio nei giorni scorsi Confartigianato e Cna dell’Emilia Romagna hanno presentato alla Regione un loro corposo documento con le proposte del mondo dell’artigianato, un modo anche per fare comprendere che il mondo associativo vuole essere parte attiva d questo processo che può veramente trasformare l’Italia. 

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza 

Il Pnrr include inoltre un corposo pacchetto di riforme, che toccano, tra gli altri, gli ambiti della pubblica amministrazione, della giustizia, della semplificazione normativa e della concorrenza. Si tratta di un intervento epocale, che intende riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica, contribuire a risolvere le debolezze strutturali dell’economia italiana, e accompagnare il Paese su un percorso di transizione ecologica e ambientale.

Il Piano ha come principali beneficiari le donne, i giovani e il Mezzogiorno e contribuisce in modo sostanziale a favorire l’inclusione sociale e a ridurre i divari territoriali.

Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro, finanziati attraverso il “Dispositivo per la ripresa e la resilienza”, lo strumento chiave del Next Generation UE. Nel complesso, il 27 per cento del Piano è dedicato alla digitalizzazione, il 40 per cento agli investimenti per il contrasto al cambiamento climatico, e più del 10 per cento alla coesione sociale.

Le sei missioni del Piano

La prima missione, “Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura”, stanzia complessivamente 49,2 miliardi – di cui 40,7 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 8,5 miliardi dal Fondo. I suoi obiettivi sono promuovere la trasformazione digitale del Paese, sostenere l’innovazione del sistema produttivo, e investire in due settori chiave per l’Italia, turismo e cultura.

La seconda missione, “Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica”, stanzia complessivamente 68,6 miliardi – di cui 59,3 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 9,3 miliardi dal Fondo. I suoi obiettivi sono migliorare la sostenibilità e la resilienza del sistema economico e assicurare una transizione ambientale equa e inclusiva.

La terza missione, “Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile”, stanzia complessivamente 31,4 miliardi – di cui 25,1 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 6,3 miliardi dal Fondo. Il suo obiettivo primario è lo sviluppo razionale di un’infrastruttura di trasporto moderna, sostenibile e estesa a tutte le aree del Paese.

La quarta missione, “Istruzione e Ricerca”, stanzia complessivamente 31,9 miliardi di euro – di cui 30,9 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 1 miliardo dal Fondo. Il suo obiettivo è rafforzare il sistema educativo, le competenze digitali e tecnico-scientifiche, la ricerca e il trasferimento tecnologico.

La quinta missione, “Inclusione e Coesione”, stanzia complessivamente 22,4 miliardi – di cui 19,8 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 2,6 miliardi dal Fondo. Il suo obiettivo è facilitare la partecipazione al mercato del lavoro, anche attraverso la formazione, rafforzare le politiche attive del lavoro e favorire l’inclusione sociale.

La sesta missione, “Salute”, stanzia complessivamente 18,5 miliardi, di cui 15,6 miliardi dal Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e 2,9 miliardi dal Fondo. Il suo obiettivo è rafforzare la prevenzione e i servizi sanitari sul territorio, modernizzare e digitalizzare il sistema sanitario e garantire equità di accesso alle cure.