Home 9 News 9 Bonus 200 euro per autonomi e partite Iva, come inoltrare la domanda

Bonus 200 euro per autonomi e partite Iva, come inoltrare la domanda

26 Set 2022 | News

bonus 200 euro autonomi partita iva

Il Bonus 200 euro è disponibile dal 26 settembre 2022 anche per autonomi e professionisti con partita Iva. La domanda va presentata entro il 30 novembre 2022.

Il bonus 200 euro è già stato erogato a luglio 2022 a lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, pensionati e percettori del reddito di cittadinanza. Ora è il momento di autonomi e professionisti a partita Iva, che possono presentare domanda a partire dalle ore 12 di lunedì 26 settembre

Per qualsiasi dubbio o informazione, e per inviare la tua domanda, scrivi una email al Patronato

A quanto ammonta il contributo

L’indennità una tantum, che fa seguito all’invio di una domanda, è pari a 200 euro ed è incompatibile con le indennità previste per i pensionati e per le categorie di lavoratori che hanno già percepito il Bonus a luglio (dipendenti, domestici, baby sitter, badanti, etc).

L’indennità non costituisce reddito ai fini fiscali né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali ed assistenziali, non è cedibile, né sequestrabile, né pignorabile ed è corrisposta a ciascun avente diritto, una sola volta.

Il bonus viene incrementato di 150 euro (giungendo dunque a 350 euro) a condizione che, nel periodo d’imposta 2021, il richiedente abbia percepito un reddito complessivo non superiore a 20.000 euro.

In sintesi:

  • Reddito complessivo 2021 fino a 20.000 euro – bonus di 350 euro
  • Reddito complessivo 2021 da 20.001 a 35.000 euro – bonus di 200 euro
  • Reddito complessivo 2021 oltre i 35.000 – il bonus non è riconosciuto

 

A chi è destinato il Bonus 200 euro

Sono destinatari dell’indennità una tantum i lavoratori autonomi e i professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’INPS nonché i liberi professionisti iscritti alle relative Casse di previdenza.

  • I destinatari, nel periodo d’imposta 2021, devono aver percepito un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro.
  • I beneficiari devono essere già iscritti alle sopra indicate gestioni previdenziali alla data del 18 maggio 2022, con partita IVA attiva e attività lavorativa avviata entro la medesima data
  • Devono avere compiuto, entro il 18 maggio 2022, almeno un versamento, totale o parziale, per la contribuzione dovuta alla gestione di iscrizione per la quale è richiesta l’indennità, con competenza a decorrere dall’anno 2020.

Come specificato in una Circolare INPS destinatari sono:

  • Artigiani e commercianti iscritti all’IVS
  • Coltivatori diretti, coloni, mezzadri e IAP
  • Pescatori autonomi
  • Professionisti iscritti alla Gestione separata INPS, ivi compresi partecipanti a studi associati/società semplici

Quali sono i requisiti per ottenere il Bonus 200 euro

L’istanza all’INPS di richiesta del Bonus 200 euro deve essere corredata dalla dichiarazione, rilasciata dal lavoratore sotto la propria responsabilità, di:

  1. essere lavoratore autonomo/libero professionista, non titolare di pensione
  2. non aver ricevuto il Bonus 200 euro come avente diritto per altra categoria
  3. non aver percepito nell’anno di imposta 2021 un reddito complessivo superiore all’importo di 35.000 euro
  4. essere iscritto alla data di entrata in vigore del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50 ad una delle gestioni previdenziali dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) o degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza ed assistenza
  5. di non avere presentato per il medesimo fine istanza ad altra forma di previdenza obbligatoria, nel caso di contemporanea iscrizione a diversi enti previdenziali. 

 

Come presentare la domanda

Per l’invio della tua domanda puoi contattare Confartigianato Bologna Metropolitana, inviando una email al Patronato (patronato@assimprese.bo.it) oppure telefonare al numero verde 800 53 30 60.

bonus 200 euro autonomi partita iva